Il presidente Di Matteo nel Comitato scientifico di EIDOS

science and technology 197089Il professor Umberto Di Matteo è stato inserito nel comitato della rivista dedicata a Smart City e Smart Grid.

Annunciato il Comitato scientifico della rivista Eidos – Smart City & Smart Grid magazine, testa trimestrale edita Gruppo Italia Energia da undici anni, distribuita sia in formato cartaceo sia digitale, dedicata a sviluppo e tecnologie nel campo delle città intelligenti e delle reti di nuova generazione.

“Green Economy: fuori dalla nicchia!”

green economyIn Piemonte il progetto regionale per la condivisione sociale e culturale della sostenibilità.

Promosso dall’Amministrazione regionale e da Pracatinat, struttura polifunzionale di accoglienza e educazione nel Parco regionale Alpi Cozie (To), l’iniziativa intende avviare processi di comunicazione, educazione, formazione e relazione con il tessuto istituzionale e produttivo del territorio, in modo da favorire un più semplice passaggio all’economia verde e sostenibile.

Fuel cell a biomasse

2 fuel cellDagli Stati Uniti la ricerca che sfrutta il vettore energetico grazie a un innovativo processo di catalizzazione.

“Le celle a combustibile alimentate a metanolo o idrogeno a bassa temperatura attualmente non possono utilizzare direttamente biomasse a causa dell’assenza di un sistema catalizzatore adatto a materiali polimerici”, spiegano alcuni ricercatori della Georgia Institute of Technology che, a fronte di ciò, hanno realizzato un nuovo sistema fuel cell che utilizza elettricità prodotta direttamente da biomassa grazie a un meccanismo di catalizzazione che sfrutta energia fotovoltaica o termica.

Regioni, i dati Istat sulla spesa ambientale

1 investimnti ambienteNonostante il trend negativo, sale la quota di investimenti in R&S per la gestione delle risorse naturali.

Gli enti Regione investono poco più di 4 miliardi di euro in termini di spesa ambientale (lo 0,26% del Pil), stando ai dati Istat riferiti all’anno 2011: -5,4% rispetto al 2010. Tali spese sono destinate a interventi di protezione dell'ambiente e alla salvaguardia dall’esaurimento delle risorse naturali (risorse energetiche, idriche, forestazione, etc).

Il rischio meteorologico per le tecnologie energetiche

2 tempestaUn’analisi sul pericolo di danneggiamento dovuto a particolari condizioni climatiche.

Secondo un recente report del servizio meteorologico nazionale del Regno Unito, nel 2012 ci sono state 905 catastrofi naturali in tutto il mondo, il 93% delle quali legate al clima, che hanno comportato costi per 170 miliardi di dollari. Un’analisi che è stata stimolata, tra le altre cose, dai disastri provocati dal maltempo in UK negli ultimi due anni.

Questo sito utilizza alcuni cookies per migliorare la tua navigazione web. I cookies utilizzati per le operazioni basilari di questo sito sono già stati impostati.Per saperne di più o negare il consenso a tutti o alcuni cookie clicca qui.

  Accetto i cookie da questo sito.